storia rugby anni 90, May Leighton, promozione serie a viadana, Arix viadana, coppa italia rugby

A A A

storia rugby anni 90, May Leighton, Radulescu, promozione serie a viadana, Arix viadana, coppa italia rugby

Dal 1990 al 2000

Venne chiamato ad allenare la squadra il gallese May Leighton, che già era stato del Viadana come giocatore il primo anno di B. Soprattutto il Rugby Viadana vide l'ingresso dell'Arix di Silvano Melegari come sponsor di grande rilievo che, da quel momento, non abbandonerà più il proprio legame con la palla ovale giallonera.

In tre anni l'Arix Viadana fu in grado di riconquistare la A2 e di ricominciare così con basi e strutture nuove l'avventura ai massimi livelli. I primi due anni videro il Viadana battersi con alterne vicende sia nei Play off che nei Play Out, acquisendo comunque carattere e dimensione di squadra matura. Dopo l'ultimo anno di May, arrivò ad allenare la squadra una bandiera del rugby viadanese, grande tecnico a livello giovanile: Gabriele Oselini. Non fu fortunato il suo campionato, almeno nella prima fase , nonostante la presenza in campo di atleti stranieri come Inoke Afeaki e Tana Umaga, forse un poco giovani ma destinati alla ribalta mondiale con Tonga e All Blacks. Il Rugby Viadana aveva comunque consolidato la propria posizione in A2, mancava solo una guida più intransigente che indirizzasse gli atleti verso un impegno sempre più professionale, una sorta di prologo al professionismo. Venne ingaggiato per l'uopo il colonnello Theodor Radulesco già allenatore della squadra rumena di rugby ai mondiali in Sud Africa, autentico guru della palla ovale nel proprio paese con ampi riconoscimenti a livello europeo. Radulescu portò lo spirito di disciplina e di abnegazione necessari a quindici uomini per formare una vera squadra e, nei tre anni in cui operò a Viadana (dal 95 al 98) sfiorò la promozione in A1, ma soprattutto forgiò un gruppo di atleti capace pochi anni dopo di fare il grande salto.

Nella stagione 98/99 tornò ad allenare il Viadana Franco Bernini, trainer di successo, dallo spirito vincente e, puntualmente, l'Arix conquistò la prima storica promozione in A1 alla fine di un campionato colmo di successi che la videro chiudere il girone alla pari con il Bologna. L'inizio di stagione era , ancora una volta, stato funestato da un terribile incidente accaduto a Battista Berra, capitano della squadra, durante una gara di Coppa Italia con il Piacenza. Le conseguenze per Battista furono tremende e lo costrinsero ad una lunga degenza ed alla perdita di ogni attività motoria. Da quel momento ogni successo del Rugby Viadana avrebbe portato il suo nome.

Vale la pena di ricordare che alla sua prima stagione in A1 l'Arix strabiliò il rugby nazionale ponendosi come compagine rivelazione del torneo tanto da conquistare addirittura la Coppa Italia, e di arrivare alla semifinale scudetto contro Rds Roma che diventerà poi Campione d'Italia. Durante questa esaltante stagione il Rugby Viadana si permise il lusso di battere tutte le grandi del rugby italiano, da Treviso a L'Aquila, da Rovigo a Roma soprattutto creando a detta dei maggiori osservatori, assieme a Parma e Piacenza, un nuovo polo, un autorevole punto di riferimento per il rugby nazionale.



Internet partner: Sigla.com
[www.sigla.com]